Nerorosso Tempo Donna Mizuno Scarpe Per E Sport Sneakers 1Eqqv
Nerorosso Tempo Donna Mizuno Scarpe Per E Sport Sneakers 1Eqqv Nerorosso Tempo Donna Mizuno Scarpe Per E Sport Sneakers 1Eqqv
We use cookies for the purposes of functionality, analysis and advertising and to ensure the best experience for our users. By using this website, you agree to our use of cookies.   Learn more
OK
Donna Uomo Scarpe Da Promozione E Sneakers Marche Di La xZqgUKY

In Ebay Vendita Scarpe Uomo Camper Usato SzqwTqgR

News, Storie & Consigli sui nostri Software Multimediali

Tu sei qui: HomeVideoMontaggio video: tutte le tecniche più importanti

Nerorosso Tempo Donna Mizuno Scarpe Per E Sport Sneakers 1Eqqv

0

Benvenuti nella piccola Hollywood! Il posto dove i sogni diventano realtà.
Tempo E Scarpe Per Sport Sneakers Nerorosso Mizuno Donna
In questo articolo forniamo le conoscenze di base e quelle più avanzate per il montaggio video. La domanda alla quale daremo risposta è: come creare scene fantastiche dal materiale grezzo?

Scarpe Donna Sport Per E Nerorosso Mizuno Tempo Sneakers Tutto ciò che serve per creare film degni di Hollywood Basta un software per il montaggio video come Video Deluxe e un po’ di idee creative.

Take

Il termine “take” può avere vari significati. Si può riferire ad inquadrature che mostrano un motivo da diverse prospettive oppure inquadrature che si differenziano solo per alcuni dettagli (direzione della luce ed elementi sullo sfondo).
I take sono anche varianti delle inquadrature da scegliere ed utilizzare durante il montaggio. Ad una successiva visualizzazione del materiale girato deve essere chiaro se un take rappresenta una variazione di una inquadratura o una inquadratura completamente nuova. A questo scopo si utilizza il ciack.Riprendete quindi il vostro soggetto da diverse inquadrature.Si consiglia di eseguire il maggior numero di riprese possibili per poi selezionarle in seguito.

Da inquadrature a scene e sequenze

Durante il montaggio si sviluppa per cosi dire l’organigramma del film dal basso verso l’alto. Le inquadrature vengono tagliate dal materiale originale e vengono montate per creare le varie scene.I tagli sono le transizioni tra due inquadrature.La categoria superiore alle inquadrature è quella delle scene Una scena consiste in un segmento del film corrispondente ad un continuum spaziotemporale che può essere comunque mostrato anche con interruzioni. Una scena è composta usualmente da diverse inquadrature.
Tempo Scarpe E Sport Donna Per Mizuno Sneakers Nerorosso
Per esempio: per creare una scena di un dialogo tra due persone, vengono montate tra loro inquadrature di chi parla, del suo interlocutore e dei due insieme mentre la traccia audio rimane la stessa durante tutta la scena. Il risultato finale sarà una scena di un dialogo.Una cambiamento di scena indica l’inizio di un nuovo segmento a se stante. La transizione tra l’ultima inquadratura di una scena e la prima della scena seguente è più marcata di una transizione tra due inquadrature della stessa scena.

Ora scopriremo insieme come montare correttamente le inquadrature tra loro. “Correttamente” significa due cose: in primo luogo significa montare le inquadrature in modo da non tradire le abitudini percettive e le aspettative dello spettatore. Quindi si deve creare un film che possa venir seguito e capito nel suo svolgimento. Significa anche però montare il film seguendo il proprio gusto ed il proprio istinto. Per questo il montaggio rappresenta lo strumento fondamentale della comunicazione cinematografica. È il montaggio a determinare il vero significato e ciò che le scene e il film completo vogliono comunicare. Il registra e colui che “parla” e decide quello che si vuole dire.

Punti di taglio e transizioni

Il taglio corrisponde sempre ad un cambiamento: di tempo, spazio o prospettiva. Si assiste ad un interruzione di una certa continuità nel film.Ci sono tecniche però che rendono impercettibile al pubblico questo stacco. Questo principio si chiama editing di continuità
Questo non deve essere completamente invisibile ma non deve essere percepito da chi guarda. Si tratta da una parte di scegliere i giusti punti di taglio individuando i segmenti che si vogliono utilizzare. Si devono fissare i punti di inizio e di fine per ogni singola inquadratura. E determinare le transizioni tra due inquadrature: dove finisce una ed inizia l’altra?
Le transizioni accompagnano da una inquadratura all’altra sviluppando la narrazione. In quale punto si deve tagliare una inquadratura si sceglie in base all’inquadratura successiva. Anche per quanto tempo deve essere mantenuta una inquadratura dipende dalla durata della scena precedente e di quella successiva.
Grazie alla durata´delle inquadrature si determina il ritmo del film. Possiamo affermare ancora una volta che dipende dal contesto. Ma vogliamo provare a fornire informazioni meno vage. Se guardiamo alla storia della cinematografica, questa ci fornisce risposte più dettagliate
Tra gli esperti del montaggio si è sempre discusso se si tratti di regole generali, semplici consigli o vere e proprie imposizioni. Noi non dobbiamo addentrarci in queste discussioni. I principi del montaggio classico sono il risultato di tanti anni di lavoro di cutter professionisti. La conoscenza di questi principi può solo potenziare le proprie tecniche. In quale posizione quindi deve essere tagliata una inquadratura? Noi ci limitiamo ai due principi più importanti.

Montaggio in base al movimento: all’interno di una scena è necessario seguire il movimento durante il montaggio delle varie inquadrature. Se per esempio si sono eseguite due inquadrature una più vicina ed una più lontana di una persona che porta il bicchiere alla bocca per bere, il punto di taglio sarà a metà del movimento del braccio verso l’altro.Lo scopo di questa regola è di mantenere il più impercettibile possibile il passaggio.Durante il movimento lo spettatore intuisce già la direzione di questo e ne percepisce la fine in anticipo. Lo spettatore è già preparato per la prossima inquadratura e sa che il bicchiere alla fine arriverà alla bocca. Viene riconosciuto e il raggio d’azione. Se il montaggio segue il movimento, il cambiamento di inquadratura risulterà meno evidenteQuesto sarebbe più evidente se si lasciasse finire il primo movimento e si iniziasse, con lo stesso cambio d’inquadratura, un altro raggio d’azione.

Nessuna immagine vuota: le scene dovrebbero essere tagliate prima che gli attori escano di scena. A meno che non ci sia un motivo specifico. Per esempio nelle transizioni tra scene e sequenze si può lasciare una immagine vuota per esaurire la suspense Ma all’interno della stessa scena dovrebbero essere evitate immagini vuote.

Questi due principi sono due varianti dello stesso principio generale: le scene devono essere trattate come raggi d’azione unici e continui. Una immagine vuota o un movimento concluso indicano la fine del raggio d’azione.

Questo per quanto riguarda i punti di taglio e il montaggio. Come devono essere montate le inquadrature una dopo l’altra? Anche a questo riguardo ci sono soluzioni classiche.

Mizuno Sneakers Sport Per Tempo E Scarpe Nerorosso Donna Montaggio campo/controcampo

Questa è la tecnica di montaggio più comune e diffusa e allo stesso tempo più efficace del montaggio cinematografico.Si provi ad immaginare una persona sulla strada che vuole entrare in una casa.Si avvicina alla porta e la apre. Si taglia l’inquadratura nel momento in cui la persona entra attraverso la porta. Seguirà un’inquadratura della stessa persona in un corridoio dove questi si toglie la giacca e l’appende all’appendiabiti. Se le due inquadrature sono montate correttamente secondo un raggio d’azione naturale, lo spettatore sarà sicuro del fatto che il corridoio della seconda inquadratura è quello che stava dietro la porta nella prima inquadratura. Anche se in realtà è solo una deduzione. Il fatto non è certo.
Sneakers Per Donna Tempo Sport Scarpe E Nerorosso Mizuno

Ci si immagini altrimenti un dialogo tra due persone. Si vede in primo piano la faccia di colui che parla e in contro campo nell’inquadratura successiva quella dell’interlocutore. In realtà si vede solo un volto che non si muove che non può essere di colui che parla. La mente dello spettatore (secondo il ricordo dell’inquadratura precendente) dà al nuovo volto silenzioso il ruolo dell’ascoltatore. Senza montaggio l’inquadratura dell’ascoltatore sarebbe solamente la registrazione di un volto. Posto in controcampo nella scena di un dialogo questo volto acquisisce un significato preciso. La faccia inespressiva dell’ascoltatore potrebbe mostrare improvvisamente una reazione: attenzione, scetticismo, disaccordo etc. La comprensione dello svolgimento dell’intero film dipende dal montaggio di queste mini sequenze. Le scene montate vengono inserite, dalla mente dello spettatore, nel conteso generale del film. Oltre alla tecnica del campo/controcampo esistono altre tecniche di montaggio che in parte costituiscono varianti di questa.

Altre tecniche di montaggio
Le tecniche di montaggio hanno lo scopo di combinare in una sequenza narrativa le singole inquadrature.

Montaggio causale: quello che avviene nella prima inquadratura è causa di quello che avviene nella seconda. Se non ci fosse la prima inquadratura la seconda non potrebbe essere capita. Esempio: un uomo si arrabbia e nella inquadratura successiva lascia la stanza sbattendo la porta. Oppure qualcuno prende la pistola e spara e nella seconda inquadratura un altra persona cade al suolo senza vita.

Montaggio alternato: vengono mostrate parallelamente due azioni. Si montano le inquadrature delle due azioni in maniera alternata. Con un accorciamento progressivo delle scene si può aumentare la tensione.Immaginiamo per esempio un passeggero in un aereo che parla con altri passeggeri e come seconda azione, una famiglia che sta andando in macchina all’aereoporto. Le due sequenze possono essere mostrate in tutta la loro estensione e le inquadrature vengono montate in maniera alternata. Se si riduce la durata delle inquadrature e quindi si aumenta il ritmo dell’alternanza, si aumenta la tensione.

Montaggio connotativo: la disposizione delle scene può creare nella mente dello spettatore una determinata associazione. Questa non viene comunque espressa o mostrata direttamente. Per esempio, nella prima scena un uomo gioca al lotto e nella seconda scena lo stesso uomo si fa mostrare da un venditore di una concessionaria delle nuove auto di lusso.

Montaggio sostitutivo: degli eventi che non possono o non devono essere mostrati vengono sostituiti con altre immagini. Per esempio: un bambino sta venendo alla luce ma, invece delle scene dolorose del travaglio, viene mostrata l’inquadratura di un fiore che sboccia. Oppure due innamorati consumano il loro amore in un letto e invece vengono mostrati dei fuochi d’artificio.

Montaggio a contrasto: delle inquadrature differenti vengono montate per contrasto. In questo modo si porta all’attenzione dello spettatore una contraddizione. Per esempio nella prima inquadratura un turista si rilassa sulla spiaggia e nella seguente si vedono dei mendicanti. Il montaggio per contrasto può anche essere eseguito dopo una lunga scena calma in modo da risvegliare l’attenzione dello spettatore e fargli capire che l’azione continua. Immaginatevi un uomo che a lungo osserva una foto pensieroso e nella prossima scena si vede un treno rumoroso che entra in stazione.

Montaggio formale: vengono montate inquadrature che hanno analogie formali: es. stesso contenuto, colori, forme o movimenti (pantaloni rossi e una rosa rossa, un pallone da calcio ed il globo terrestre). L’esempio più famoso di questo tipo di montaggio si trova nella scena di inizio di “2001 Odissea nello Spazio” di Stanley Kubrick dove una scimmia lancia un osso in aria e nella seguente sessione un satellite in orbita segue lo stesso movimento. Qui si riconosce bene anche l’aspetto semantico che si viene a creare. Le due inquadrature hanno in comune solo il movimento. Ma con il montaggio si crea un significato ben preciso. Si fa riferimento cioè all’evoluzione della specie umana, iniziata con il lancio dell’osso ed arrivata alla creazione ed il lancio di satelliti.

Montaggio acustico: per esempio in una inquadratura una persona siede ad un tavolo leggendo un libro nel silenzio ed improvvisamente si sentono voci vivaci e telefoni che suonano. E prima che ci si chieda da dove provengano i rumori subito appare nell’inquadratura successiva una caotica stazione di polizia. Questa specie di montaggio viene chiamata Parentesi acustica. Questo effetto si crea anche con una anticipazione della traccia sonora facendo iniziare questa prima delle immagini. Per questo la traccia audio e quella video vengono montate non sincronicamente.

Jump Cut: infine descriviamo la tecnica che, a differenza di tutte le tecniche descritte finora, ha come scopo quello di interrompere la continuità dello svolgimento del film. Il Jump Cut attrae l’attenzione dello spettatore su se stesso.Può essere applicato in tantissimi modi ma ha sempre come scopo quello di porre in risalto il taglio stesso per evidenziare i contrasti. Il Jump Cut è una tecnica moderna ed è al momento di larga diffusione. Nelle interviste per esempio dove si verificano evidenti e rapidi cambi di inquadratura.

Asse d’azione o regola dei 180°

Se in un film si vede una persona che si muove da sinistra a destra e nella inquadratura successiva si muove da destra a sinistra si è assistito ad uno scavalcamento dell’asse d’azione. Questo vi irrita e non sapete più dove vuole andare la persona nel film.L’asse che non può essere scavalcata e l’asse d’azione.Questa è una linea immaginaria orientata allo svolgimento dell’azione e che divide in due lo spazio d’azione. La videocamera e l’azione del film definiscono un semicerchio al lato della videocamera. Per questo si chiama regola dei 180 gradi Questa regola aiuta l’orientamento dello spettatore. 180 gradi corrispondono al campo visivo come fosse il palcoscenico di un teatro.
Up 16 9 Anni Ragazza E Pinko Bambina Collezione Abbigliamento pndPwqqO

La regola dei 180 gradi dice che possono essere montate insieme delle inquadrature eseguite all’interno dello stesso semicerchio.Per esempio: in un dialogo i due interlocutori si guardano reciprocamente negli occhi. L’asse d’azione in questo caso si sviluppa lungo la direzione degli sguardi. La videocamera può mostrare i due interlocutori frontalmente oppure scorrendo lungo il semicerchio fino a riprendere l’azione da dietro le spalle di uno degli interlocutori mostrando l’altro di fronte. Questa inquadratura si chiama “Over the Shoulder Shot” e viene molto usata perchè unisce la prospettiva dell’attore con la prospettiva esterna. Tutte queste inquadrature possono essere montate una dopo l’altra senza problemi. Nel momento in cui la camera supera l’asse d’azione le posizioni dei due interlocutori vengono scambiate. L’interlocutore a sinistra si troverà a destra e viceversa. Si verifica uno scavalcamento dell’asse. Problemi di questo tipo si rilevano solo durante il montaggio. Se l’asse d’azione viene superata durante una sola inquadratura non si verifica lo scavalcamento dell’asse ma un semplice cambio graduale dell’asse che non interrompe la continuità dell’immagine. Le assi d’azione vengono determinate soprattutto dal movimento e dalla direzione dello sguardo degli attori. Nuove assi d’azione si generano quando l’attore improvvisamente guarda in un altra direzione o se si volta, oppure se altri elementi entrano nell’immagine. Quindi sarà possibile montare inquadrature esterne all’area di 180° originaria perchè l’orientamento dello spettatore e quindi l’asse d’azione sono cambiate.

Transizioni

Infine ancora una domanda riguardo alla forma: le transizioni devono essere graduali o rapide e indolori?Le transizioni determinano come due inquadrature vengono unite una all’altra.Normalmente nei film viene usato il cosiddetto hard cut e cioè la totale mancanza di transizioni. Le inquadrature vengono unite semplicemente l’una all’altra senza effetti.Ma è possibile anche avere transizioni tra scene con crossfades o dissolvenze. Con i crossfade l’immagine della prima scena si trasforma gradualmente nell’immagine della seconda.Nelle presentazioni fotografiche, chiamate anche slideshow. i crossfade sono molto comuni proprio perchè si tratta di fotografie. La crossfade preannuncia ed esegue il passaggio da un’immagine all’altra. Nei film è necessario mantenere una certa continuità e quindi il passaggio da un immagine ad un altra deve essere il meno visibile possibile. Nei film le crossfades preparano lo spettatore ad un cambiamento di scena. Queste spostano infatti l’attenzione dalla continuità ad un cambiamento. Le dissoluzioni producono un taglio ancora più netto. Si dissolve una scena lentamente fino a visualizzare brevemente un’immagine nera. Quindi inizierà la nuova scena. Normalmente con una assolvenza (fade in). La dissolvenza fa in modo che lo spettatore possa prendersi una breve pausa per ricominciare poi a seguire l’azione. È come chiudere gli occhi per un momento, cambiare capitolo in un libro o vedere il sipario che si chiude a fine atto in teatro. In genere una dissolvenza è posta alla fine di una serie di scene appartenenti ad un unica sequenza. Ci sono ovviamente anche altri tipi di transizioni con effetti che si possono vedere nei film. A volte l’immagine dell’ultima scena vola via roteando oppure sparisce lentamente come all’interno di un tunnel. Si consiglia però di non esagerare con certi effetti. Questi possono distrarre lo spettatore dallo svolgimento del film.

Anche a Hollywood il computer è il piano di lavoro principale. È molto più semplice ed efficiente spostare scene virtuali con il mouse invece che tagliare ed incollare la pellicola manualmente. Video deluxe è il software di montaggio video perfetto per la realizzazione dei vostri progetti. Basta provare!Acquisti Comodo A Scarpe Kona Gaerne Online White Uomo B77z46x1wq

 

Autore

Nerorosso Mizuno Sport Tempo Sneakers Scarpe Per Donna E
Questo nuovo membro di MAGIX è entrato a far parte del team del Marketing nel settore dei Social Media dall’inizio del 2016. Oltre ad essere affaccendato con i Social Media, ritroviamo Duc al cinema, in giro con gli amici, davanti al computer o sul campo sportivo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sneakers Sport Per E Mizuno Scarpe Donna Nerorosso Tempo Links
Lingua